Clementine Cake – Torta alle Clementine

Come  tutti voi amanti del cibo, cerco continuamente nuove idee che possano incuriosirmi. In ufficio mi arrivano spesso le testate Mondadori, fra queste Sale e Pepe rappresenta il top in questo momento. Ma a volte non basta e cerco anche su web. Fra i volti noti dello star system legato al food, Nigella Lawson spicca nella top5 ed è proprio dal suo fantastico sito che arriva questa Clementine Cake, Torta alle Clementine.

image

E’ un dolce incredibile, che sorprenderà i palati più raffinati. Anche se è lunga la realizzazione, in realtà è un dolce semplice, quasi basico. Le note dominanti sono le clementine, ovviamente, e le mandorle. La Clementine Cake è un dolce che non prevede farina di grano, quindi è perfetta per i celiaci, inoltre non ha latte e burro  strizzando l’occhio a chi è intollerante al lattosio. Ma quindi com’è fatta?

semplice…..image

Ingredienti

375 gr di clementine (bio o non trattate)

6 uova

200 gr di farina di mandorle

50 gr di farina di riso

1 bustina di lievito per dolci

230 gr di zucchero di canna molto fine ( quando posso evito lo zucchero raffinato)

Ho giusto variato , assecondando il mio gusto, alcuni dosi ma il dolce rimane fedele alla sua origine. La ricetta originale non prevede la farina di riso ma solo 250 gr di farina di mandorla. Ma quando l’ho preparata la prima volta non avevo i quantitativi necessari, quindi mi sono arrangiata aggiungendo la farina di riso, rendendo inconsapevolmente il tutto molto più delicato.

Fate bollire per 2 ore le clementine in abbondante acqua. Una volta terminata la cottura, tagliatele e privatele dei semi. Poi  mettete tutto in un mixer e frullate  (sì !! con la buccia!!).

prendete una ciotola e sbattete bene le 6 uova, infine aggiungete il resto degli ingredienti,  clementine comprese. Foderate con della carta forno la tortiera e versate il composto al suo interno, coprite con lacarta di alluminio e mettete nel forno ben caldo a 170° per circa 45′. Trascorso questo tempo, togliete la carta di alluminio e continuate la cottura per altri 20’/25′ circa. Infine fate la solita prova di cottura , infilate uno stuzzicadenti nella torta, se risulta asciutto, la vostra torta è pronta.

Potete servirla da sola oppure con una base di crema alla vaniglia, oppure un cucchiaio di panna acida.Questa torta ha il potere di essere ancora più buona il giorno dopo…. tenetelo  a mente! potreste prepararla il giorno prima se avete una cena importante il giorno dopo.

Spero che questo dolce vi piaccia e se volete, una volta fatta,  potete inviarmi delle foto.

buon appetito!

 

Lascia un commento